Risultati 2008

Redditività in crescita ed elevata generazione di cash flow libero

  • Fatturato a prezzi costanti dei metalli(1): 4,776 miliardi di euro
  • Crescità organica delle attività cavi(2): +6%
  •  Margine operativo(3): 427 milioni di euro (8,9% del fatturato a prezzi dei metalli costante)
  • Solidità delle basi finanziarie

Parigi, 12 febbraio 2009 Il Consiglio di Amministrazione di Nexans, riunitosi l’11 febbraio 2009 sotto la Presidenza di Gérard Hauser, ha deliberato il bilancio per l’anno 2008:

  
il fatturato dell’anno 2008 ha raggiunto i 6,799 miliardi di euro, rispetto ai 7,412 miliardi di euro del 2007. A cambi e prezzi costanti(1) dei metalli non ferrosi, si posiziona a 4,776 miliardi di euro, rispetto ai 4,689 miliardi di euro del 2007.
Il fatturato 2008 tiene conto del consolidamento di due recenti acquisizioni del Gruppo: Intercond, a partire dal 1° agosto 2008, e le attività cavi di Madeco, dal 1° ottobre dello stesso anno.
La crescita organica delle attività “cavi” si attesta al 6%;
 
- il margine operativo si posiziona a 427 milioni di euro, in aumento rispetto a quello fatto registrare nel 2007, nonostante un quarto trimestre 2008 segnato da un forte peggioramento dell’ambiente economico. La percentuale del margine operativo passa dall’8,5% all’8,9%, a prezzi costanti dei metalli non ferrosi. Il Gruppo prosegue così nel miglioramento della sua redditività;
 
 
- il risultato prima delle imposte si attesta a 135 milioni di euro nel 2008, rispetto ai 281 milioni di euro del 2007.Questa significativa riduzione si spiega con l’iscrizione a bilancio, in applicazione delle norme IFRS, di un carico contabile senza contropartita di tesoreria di 165 milioni di euro, che traduce uno scarto temporaneo tra il costo del rame utilizzato (costo medio, a causa della caratteristica fungibile delle scorte) ed il prezzo del rame effettivamente applicato all’ordine del cliente.
Al 31 dicembre 2007, l’applicazione dello stesso principio contabile aveva portato il Gruppo a registrare un prodotto cumulato senza contropartita di tesoreria di 296 milioni di euro, tenendo conto della crescita del prezzo del rame. I principi di copertura applicati da Nexans assicurano la neutralità di questo effetto a livello di margine operativo (indicatore che traduce la prestazione operativa del Gruppo sul periodo).
 
- di conseguenza, il reddito netto del Gruppo si attesta a 82 milioni di euro nel 2008, rispetto ai 189 milioni di euro del 2007.
 
– l’indebitamento finanziario netto del Gruppo raggiunge i 536 milioni di euro al 31 dicembre 2008, rispetto ai 290 milioni di euro al 31 dicembre 2007. Questa crescita si spiega principalmente con le acquisizioni delle attività cavi di Madeco e di Intercond (349 milioni di euro). Le basi finanziarie del Gruppo sono solide (indebitamento netto/EBITDA* = 0,9). Il Gruppo ha generato nel 2008 un Cash Flow libero di 291 milioni di euro, rispetto ai 275 milioni di euro del 2007, grazie ad una nuova riduzione dei bisogni interni di fondi operativi, indipendentemente dalla diminuzione del prezzo del rame.
 
- a fine gennaio 2009, alcune inchieste in materia di concorrenza sono state avviate su Nexans e su altri produttori di cavi da parte della Commissione Europea e delle Autorità per la Concorrenza in Spagna, Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti, nel settore dei cavi energia sottomarini e sotterranei, oltre che per i prodotti ed i servizi associati.
Attualmente, il Gruppo non è in grado di pronunciarsi sul risultato di queste inchieste. Senza giudicare in anticipo le conclusioni delle inchieste, ma tenuto conto del livello delle sanzioni comminate recentemente dalle Autorità americane ed europee e delle conseguenze dirette e indirette che potrebbero risultarne, questi avvenimenti potrebbero avere un effetto sfavorevole significativo sul bilancio e, di conseguenza, sulla situazione finanziaria del Gruppo.
 
Il Consiglio di Amministrazione proporrà all’Assemblea Generale che sarà convocata nel primo semestre 2009 la distribuzione, per l’anno 2008, di un dividendo di 2 euro per azione, come l’anno scorso.
 
Commentando i risultati del 2008, Gérard Hauser, Presidente e Direttore Generale di Nexans, ha dichiarato:
«Nel 2008, Nexans ha proseguito con determinazione e successo la sua riconfigurazione in un ambiente economico incerto, attraverso un riposizionamento geografico con la conclusione dell’integrazione delle attività di Madeco, primo produttore di cavi in Sud America, e rafforzando la propria presenza sul mercato dei cavi speciali per applicazioni industriali grazie all’acquisizione della società italiana Intercond. Infine, siglando una collaborazione strategica con la giapponese Sumitomo, il Gruppo ha segnato una nuova tappa nella sua strategia per le telecomunicazioni, ponendo l’accento sulle applicazioni FTTH.
Nexans ha raggiunto i suoi obiettivi finanziari per il 2008, con una crescita organica delle sue attività cavi del 6%, un margine operativo dell’8,9% ed, inoltre, un’ottima posizione per quanto riguarda il cash flow.
Fin dai primi segnali di rallentamento economico, abbiamo attuato un certo numero di misure conservative, destinate ad aumentare i nostri sforzi in materia di generazione di cassa e di stretto controllo dei costi. Dal 2001, siamo impegnati a dare al nostro Gruppo solide basi che dovranno consentirgli di affrontare la crisi nelle migliori condizioni, creando opportunità di crescita a medio termine. Nonostante l’incertezza attuale, abbiamo deciso di concentrare tutti gli sforzi delle strutture del Gruppo per ottenere un margine operativo del 6% nel 2009, in base alle nostre stime della situazione».
 
* Sulla base proforma delle acquisizioni delle attività cavi di Madeco e di Intercond su 12 mesi.
 
 Principali dati 2008
(milioni di euro)
A prezzi costanti
dei metalli
non ferrosi
 
 
 
 
2007
2008
Fatturato
Fatturato a cambi costanti 2008
 
Margine operativo
% Margine operativo (% delle vendite)
Risultato netto (titolo del Gruppo)
Risultato diluito per azione (in euro)
4.822
4.689
 
409
8,5%
189
6,67
4.776
4.776
 
427
8,9%
82
3,07

Analisi dettagliata del mercato per attività
 
Fatturato per attività
 
 
 
2007
2008
Crescita organica
(a perimetro e cambi costanti)
(milioni di euro)
A prezzi costanti dei metalli
A prezzi costanti dei metalli
Attività energia
- infrastrutture d’energia
- industria
- costruzioni
 
1.643
1.005
1.132
 
1.917
924
1.088
 
19,5%
-1,3%
-4,9%
Attività telecomunicazioni
- infrastrutture di telecomunicazione
- Reti private telecom (LAN)
 
247
282
 
218
290
 
1,5%
1,0%
Altre
11
14
ND
Subtotale: Attività cavi
4.320
4.451
6,0%
Fili conduttori
502
325
-36,8%
Totale Gruppo
4.822
4.776
1,5%
 
 
 

Margine operativo per attività
 
(milioni di euro)
2007
2008
Attività energia
- infrastrutture d’energia
- industria
- costruzioni
 
152
87
126
 
223
65
114
Attività telecomunicazioni
- infrastrutture di telecomunicazione
- Reti private telecom (LAN)
 
18
31
 
10
31
Altre
(14)
(13)
Subtotale: Attività cavi
400
430
Fili conduttori
9
(3)
Totale Gruppo
409
427
 
 
 
Energia: ottime prestazioni delle infrastrutture di energia
 
Il fatturato si attesta a 3.929 milioni di euro, con una crescita del +6,7% (a perimetro e cambi costanti) rispetto al 2007.
 
Infrastrutture d’energia: forte crescita del fatturato e della redditività del settore alta tensione
 
La crescita del fatturato annuale si attesta al 19,5%, con una percentuale di crescita pari a quella del primo semestre. Per i cavi Alta Tensione, il fatturato è stato di 752 milioni di euro, in aumento del 37,9%. La percentuale del margine operativo raggiunge circa il 14%. I progetti nel portafoglio ordini offrono una visibilità oltre l’anno 2009.
 
I cavi media e bassa tensione registrano anch’essi una crescita significativa (+10,8%), nonostante una leggera flessione nel secondo semestre in alcuni Paesi (Marocco, Italia, Germania, Nord America). Lo sviluppo dell’export della “bassa alta tensione” dovrebbe sostenere l’attività nel 2009.
 
Industria: forte rallentamento delle attività cavi e fasci cavi destinati al mercato automobilistico e peggioramento delle condizioni di mercato nel quarto trimestre in alcuni settori
 
- Il fatturato è in diminuzione dell’1,3% rispetto al 2007, a causa del duplice effetto del rallentamento delle attività cavi e fasci cavi destinati al mercato automobilistico nel secondo semestre e dei deboli volumi di vendita dei cavi elettronici destinati ai grandi costruttori di apparecchiature di telecomunicazione.
I segmenti prioritari sui quali il Gruppo prosegue il suo rafforzamento mostrano una buona resistenza, seguendo l’esempio dei cavi per i grandi cantieri navali, per i trasporti ferroviari, per l’aeronautica e per l’industria del petrolio e del gas.
 
Costruzioni: livello di redditività mantenuto nel 2008 in un contesto di riduzione dei volumi
 
Il Gruppo ha registrato una riduzione del 4,9% delle proprie vendite, a cambi e perimetro costanti.
 
In Europa, la diminuzione delle vendite 2008 è stata di circa l’11% nell’anno. La riduzione si è accentuata nel secondo semestre nei Paesi più toccati dal rallentamento del settore immobiliare (Spagna, Regno Unito, Irlanda, Germania).
Alcuni Paesi hanno registrato prestazioni soddisfacenti, come la Francia, il Benelux o i Paesi scandinavi. In Nord America, il fatturato è cresciuto del 4,7% rispetto al 2007, grazie soprattutto all’introduzione di una nuova gamma di prodotti e ad un miglioramento del secondo semestre. Il Gruppo ha privilegiato i margini rispetto ai volumi.
 
Il margine operativo dell’attività Energia cresce da 365 a 402 milioni di euro, con una percentuale del margine del 10,2% nel 2008 a prezzi dei metalli costanti, rispetto al 9,7% in 2007. Questo miglioramento della redditività si spiega in parte con l’aumento del peso relativo dei cavi per Infrastrutture d’Energia, che passa dal 44% al 49% delle vendite nel settore energia.
 
 
Telecom: tenuta del settore e rafforzamento dei cavi a fibra ottica
 
Le vendite dei cavi per Telecomunicazioni crescono dell’1,2% rispetto al 2007 (a cambi e perimetro costanti), raggiungendo i 508 milioni di euro.
 
Reti private di telecomunicazione (LAN): crescita nel 2008 nonostante un rallentamento delle vendite di sistemi nel secondo semestre
 
Il Gruppo ha registrato un fatturato in crescita dell’1,0% nell’anno 2008, a perimetro e cambi costanti. Negli Stati Uniti, dove Nexans realizza la maggior parte delle vendite di cavi LAN, il settore è cresciuto del 5,0% in un mercato stabile, grazie al proseguimento di una focalizzazione sui cavi ad alto valore aggiunto in rame a larga banda. In Europa, così come nella zona Asia-Pacifico, il settore è in recessione. Al contrario, la Turchia registra una forte crescita in seguito agli investimenti realizzati nel 2007 in nuove linee di produzione.
 
Infrastrutture di Telecomunicazione: accordo firmato con uno dei leader nel campo dell’FTTH
 
Nel settore dei cavi per infrastrutture di rete per telecomunicazioni, le vendite sono cresciute nel 2008 dell’1,5% a cambi e perimetro costanti, nonostante la chiusura a fine giugno 2007 dell’attività in Vietnam. Se si esclude l’effetto di questa chiusura, il fatturato sarebbe aumentato nel 2008 del 5,1% rispetto al 2007.
 
Il 2008 è stato caratterizzato, inoltre, dalla vendita dello stabilimento produttivo di cavi per telecomunicazioni in rame di Santander, in conformità alla volontà del Gruppo di uscire da questo segmento e di focalizzarsi soprattutto sulle reti di cavi in fibra ottica. In Nord Europa, lo sviluppo delle reti locali FTTH (Fiber To The Home) è rimasto importante, nonostante un rallentamento nel secondo semestre.
 
Per sfruttare il potenziale di crescita di questo settore, Nexans e Sumitomo Electric Industries Ltd. (SEI) hanno annunciato il 5 dicembre 2008 la conclusione di un accordo di collaborazione nel campo dei cavi a fibra ottica per reti terrestri in Europa. Questo accordo riguarda tutte le applicazioni FTTx e, in particolare, lo sviluppo di reti in fibra ottica fino all’abbonato (FTTH: Fiber To The Home).
 
Il margine operativo del settore Telecomunicazioni è in diminuzione nel 2008, con 41 milioni di euro (8,0% del fatturato a prezzi dei metalli costanti) rispetto ai 49 milioni di euro (9,3% del fatturato a prezzi dei metalli costanti nel 2007). Il calo dei volumi e la chiusura dell’attività in Vietnam giustificano la maggior parte di questa diminuzione. La redditività resta tuttavia molto elevata nel Nord America, mentre diminuisce leggermente in Europa.
 
Fili conduttori: prosegue il riposizionamento
 
Le vendite esterne dell’attività “Fili conduttori” hanno raggiunto nel 2008 i 325 milioni di euro, in diminuzione del 37% rispetto al 2007, a cambi e perimetro costanti. Il Gruppo prosegue la sua politica di riposizionamento sulle sole esigenze interne.
Il margine operativo dell’attività “Fili conduttori” è passato da 8 milioni di euro nel 2007 a –3 milioni di euro nel 2008, a causa soprattutto della riduzione degli ordini di alcuni settori industriali (in particolare, l’automobile). Per altro, nel 2007 l’attività dei fili smaltati, da allora venduti, aveva contribuito positivamente al risultato in crescita di 4 milioni di euro.
 
1) Per neutralizzare l’effetto delle variazioni dei prezzi dei metalli non ferrosi e misurare così in modo effettivo l’evoluzione delle sue attività, Nexans ha calcolato il suo fatturato anche a prezzo del rame e dell’alluminio costante.
2) Attività cavi e prodotti associati (accessori), esclusi i fili conduttori
3) Indicatore di gestione utilizzato dal Gruppo per misurare la sua prestazione operativa.
 
 
Calendario finanziario
 
2 aprile 2009: Riunione informativa degli azionisti individuali a Tolosa*
22 aprile 2009: Pubblicazione dell’informazione finanziaria del Primo trimestre 2009
26 maggio 2009: Assemblea Generale degli azionisti
11 giugno 2009: Riunione informativa degli azionisti individuali a Nantes*
(* data indicativa)
 
Il lettore è invitato a consultare il sito Internet del Gruppo sul quale è disponibile il bilancio, così come il rapporto di gestione, dove sono illustrati i fattori di rischio e la conferma dei rischi legati all’inchiesta in materia di concorrenza annunciata il 3 febbraio 2009 e descritta precedentemente.
 
 
 

Informazioni correlate

Documenti correlati

I Vostri Contatti

Michel Gédéon Investor Relations
Telefono +33 1 78 15 05 41
Michel.Gedeon@nexans.com
Jean-Marc Bouleau Institutional Investors Relations
Telefono + 33 (0)1 73 23 84 61
jean_marc.bouleau@nexans.com
Jean-Claude Nicolas Corporate Communication
Telefono +33 (0) 1 73 23 84 51
jean-claude.nicolas@nexans.com
Pascale Strubel Corporate Communication Department
Telefono + 33 (0)1 73 23 85 28
pascale.strubel@nexans.com
Angéline Afanoukoe Corporate Communication Dept.
Telefono +33 1 78 15 04 67
Angeline.afanoukoe@nexans.com

A proposito di Nexans

Ponendo l’energia al centro del suo sviluppo, Nexans, produttore ai vertici dell’industria mondiale dei cavi, propone un’ampia gamma di cavi e di sistemi per il cablaggio. Il Gruppo è uno dei principali operatori dei mercati delle infrastrutture, dell’industria e delle costruzioni. Sviluppa soluzioni per le reti d’energia, di trasporto e di telecomunicazioni, così come per il settore delle costruzioni navali, del petrolchimico e del nucleare, dell’automobile, degli equipaggiamenti ferroviari, dell’elettronica, dell’aeronautica, della movimentazione e dell’automazione. Con una presenza industriale in oltre 39 Paesi ed attività commerciali in tutto il mondo, Nexans può contare su 23.500 collaboratori e su un fatturato, nel 2008, di 6,8 miliardi di euro. Nexans è quotata ad Euronext Parigi, compartimento A. Maggiori informazioni su: http://www.nexans.com